Al Valpellice non è bastato il consueto tutto esaurito del 26 dicembre per trovare la giusta carica e portare a casa una vittoria per fare morale e classifica. E’ arrivata infatti la terza sconfitta consecutiva, la sesta nelle ultime 10 giornate. Questa volta a rapinare il caveau piemontese è stata l’armata di Renon, giunta a Torre Pellice con la testa giusta, che ha saputo rimanere lucida dopo il passivo di 2 reti incassato nel primo tempo e mettendo in atto una bella rimonta con successivo sorpasso. Ora il Valpellice deve ritrovare la giusta strada per provare a difendere almeno il quarto posto, dopo aver fatto scappare gli altoatesini a 5 punti di distanza e con un Asiago in crisi difensiva ma mai domo a solo una lunghzza.L’inizio della partita è quello che non ti aspetti avendo visto i precedenti tra le 2 squadre, il Renon sembra ancora al tavolo del pranzo di Natale mentre il Valpellice fa ciò che vuole sul ghiaccio. Così al quinto minuto è Luciano Aquino a finalizzare il powerplay e portare avanti i padroni di casa. Passano altri 5 minuti ed è nuovamente l’italiano dell’Ontario a raddoppiare il vantaggio spiazzando Cloutier. Sul 2-0 il Renon decide di scendere in campo e nel giro di un minuto va in rete con Roland Ramoser, abile a sfruttare un’amnesia difensiva dei biancorossi. La partita ha un ritmo frenetico, ed il pallino del gioco è sempre nelle mani del Valpellice, che però si deve scontrare con Cloutier, abile a mantenere i suoi in partita.

Il secondo tempo inizia con i biancorossi in avanti, ma qualcosa cambia dal 25′ in avanti quando il Renon trova il goal del pareggio con Bregenzer che, dalla media distanza, soprende Regan non troppo in serata. La partita è equilibrata e le 2 squadre hanno le possibilità per portarsi in vantaggio ma il risultato non cambia fino al 19′, quando dopo una doppia ghiotta occasione sprecata dal Valpellice, Scelfo firma il 3-2 per gli ospiti sfruttando un black-out del reparto arretrato dei piemontesi.

Il terzo tempo vede lo squadrone di Kostner amministrare tranquillamente il vantaggio dopo la quarta rete siglata da D’Accordo in avvio di ripresa. Mentre il Valpellice non riesce più a rendersi pericolosa in nessuna occasione complice anche la carenza di gambe e fiato.

Domani il Valpellice avrà l’occasione per rifarsi sotto nei confronti del Renon, che rispetterà il turno di riposo, cercando di ritrovare la vittoria sul difficile ghiaccio di Cortina.

Annunci