La notizia è di quelle da far saltare sulla sedia qualsiasi appassionato di Hockey Milanese e non.
Il presidente dello SKA di San Pietroburgo nonchè della KHL,la massima lega dell’Hockey Russo,Alexander Medvedev,all’indomani della vittoria della sua squadra nella Coppa Spengler a Davos,avrebbe spostato le sue “mire” di espansione sul nostro paese,e,per maggior precisione,sulla città di Milano.



Il potente imprenditore Russo (tra le altre cose presidente della Gazprom,uno dei colossi energetici dell’ex URSS),ha contattato il suo ex-allenatore Ivano Zanatta per allacciare i contatti e per verificare la fattibilità del progetto.

Intervistato dalla Radio della Svizzera Italiana,Zanatta non solo ha confermato la volontà del suo ex-presidente,ma ha anche aggiunto che il progetto sarebbe da attuarsi “in tempo breve”.
La KHL,lo ricordiamo,annovera già squadre di paesi non Russi:Lettonia,Kazakhistan e Bielorussia hanno già una loro squadra nella massima serie,con risultati sportivi e di pubblico impensabili se le stesse squadre avessero continuato a militare nei rispettivi campionati nazionali.

Tentativi di allargare ulteriormente la lega erano stati fatti con squadre Svedesi (AIK),Finlandesi e Ceche (Karlovy Vary),ma le rispettive leghe nazionali avevano impedito “l’emigrazione” delle loro compagini,ovviamente per il timore di un calo di pubblico e sponsor.

A detta di Zanatta,il discorso sarebbe molto diverso per la città di Milano,secondo lui infatti “il progetto non dovrebbe incontrare difficoltà”.
Certamente i tifosi Milanesi ricordano molto bene il fallimento del progetto della super-squadra negli anni 90,ma le basi della KHL sono molto solide e la possibilità di vedere all’opera nel nostro paese campioni come Afinogenov o Yashin,non solo per un match di esibizione,ma bensi per un incontro di campionato,non potrebbe che essere accolta con entusiasmo dai moltissimi appassionati di Hockey Milanesi e non solo.

Annunci