Abbiamo sentito dopo il torneo di Brunico l’allenatore dei portieri delle Ladies dei Diavoli Rossoneri Davide Martoscia su presente e futuro dell’hockey femminile milanese e non solo….

Ciao Davide, raccontaci il secondo torneo del Milano Femminile

Ciao Alessandro!
Eh sì siamo al secondo torneo per le meneghine.. In realtà però al primo torneo come società Diavoli Rossoneri Ladies, quindi una sorta di battesimo!
Che dire, è stata una bella festa per l’hockey femminile. Un plauso va alla brava Kaser che ha saputo tirar le reti in barca facendo un’ottimo bottino, reti belle piene, 4 belle squadre e una buona organizzazione.
Milano Diavoli Rossoneri Ladies, Asiago Ladies e Garmish su medesimi livelli di gioco, un po più alto quello delle padrone di casa che hanno saputo ben dimostrare di essere cresciute, parecchio e in fretta.

Abbiamo goduto dell’ospitalità Altoatesina.
Un po’ di rimpianti, sportivamente parlando, per le partite perse, la panchina non era al completo e la mancanza di 7 ragazze si è fatta sentire sopratutto quella di Alice Beretta punto d’attacco della formazione. La prima partita con il Garmish persa per 4 a 2, abbiamo tenuto bene il primo tempo con un 2 o 0 per le milanesi, poi 2 sviste e siam stati puniti con un 4 a 2. Risultato meritato!

Contro il Brunico è stata più dura, abbiamo giocato subito dopo aver terminato l’incontro con le ragazze del Garmish, un po la stanchezza un po la superiorità di gioco del Brunico ha prodotto un bel risultato per le padrone di casa 3 a 0

La vittoria arriva finalmente contro le Asiaghesi, le mie preferite (dopo il Milano s’intende) ragazze che con animo da leonesse hanno saputo sfruttare bene le ore di allenamento usando cuore e testa. La partita è stata divertente, livello di gioco simile per quanto riguarda l’interezza della squadra, la differenza l’ha fatta l’esperienza individuale delle atlete dei Diavoli Ladies. Abbiamo dato il battesimo a entrambe i portieri, finalmente, che si sono bel comportati.

Che altro dire? Una bella giornata, tempo clemente e ci stava perfino atterrando una mongolfiera enorme in campo.
Che altro volere dalla vita?
Magari una bella Serie B?
Forse altre squadre femminili di hockey su ghiaccio?

Rivedremo, in ogni caso le ragazze del Brunico e dell’Asiago, assieme ad altre nel Torno Danae che anche quest’anno sarà giocato al Palasesto, la Scoeità dei Diavoli Rossoneri ce la sta mettendo tutta. A Milano è tornato l’hockey Femminile!

Che bilancio dopo questa esperienza?

Bella domanda…
Il bilancio è discreto. Abbiamo finalmente testato le ragazze sul ghiaccio in una vera competizione tra donne!
Uscite di zona ben fatte e qualche ingaggio vinto sicuramente avrebbero dato alle ragazze qualche chances in più, lavoreremo su quello e su altro ancora. Il morale è alle stelle! nessuna delle ragazze, tranne 3 o 4 “veterane” aveva ancora avuto la possibilità di giocare in un torneo esclusivamente femminile. Ora chi le ferma piu?!

Parlando invece in concreto, come si sta svolgendo la vostra attività a Milano?

L’attività va avanti bene, per ora ci alleniamo il sabato dalle 14,20 alle 15,20 le ragazze crescono sempre anche se 1 ora in più alla settimana potrebbe fare la differenza e far fare alle ragazze quel salto di qualità minimo richiesto per poter essere competitive.
Anche Moris Brambilla, allenatore e responsabile per la società Diavoli Rossoneri, ha ben espresso il suo positivo commento e sulle atlete e sulla necessità di ore ghiaccio in più. Siamo ben speranzosi e fiduciosi.

Io personalmente alleno i portieri. Abbiamo la fortuna di averne ben 3. Arianna Noto, Irene Sgiarovello e Valeria Ghirimoldi rispettivamente 16, 14 e 23 anni. Arianna arriva da Varese, veloce, sicura, non ha paura di nulla, “na roccia”, Irene è tutta “Diavola” arriva direttamente dalle nostre giovanili ed è una vera promessa! Valeria è un vero e proprio muro! ne sono particolarmente orgoglioso! la vedrete all’opera e concorderete con me. Stiamo lavorando bene assieme, ovviamente, la speranza di ogni allenatore è di vedere le “proprie” atlete vestire i colori della nazionale.. chi vivrà vedrà!

Nel frattempo ci occupiamo di promuovere la squadra.
I Diavoli Rossoneri tengono duro grazie all’attivismo dei propri giocatori, e le Ladies non fanno eccezione. Oltre a me, ci sono in prima fila mia sorella Alessandra, che come me è nell’ambiente dell’hockey femminile da più di 15 anni, e le due giocatrici Elisabetta Cella (ex All Stars Milano) e Simona Casonato.
Stiamo facendo volantinaggio, scendiamo con il pubblico a pattinare per promuovere l’attività femminile, insomma ci si da da fare per portare a casa nuove ragazze da far diventare Diavolesse!

E abbiamo trovato anche il modo di vestirci! ovviamente mi riferisco alle maglie da gioco. Io e Alessandra che, come dicevo, abbiamo a cuore questo sport, abbiamo deciso di sponsorizzare le Ladies dando maglie e calzettoni, saranno pronti per il Torneo Danae, si spera.

Dulcis in fondo, proprio oggi abbiamo messo online il nuovo sito dei Diavoli Rossoneri e abbiamo anche lo sponsor che ha fornito lo spazio hosting necessario! misterdomain.eu, registrazione domini e servizi di hosting lowcost di alta qualità leader in europa! eccolo, finalmente iniziamo a raccogliere i frutti dopo tanto lavoro. Il provider di servizi hosting Slovacco, gia super tifoso dell’HC Kosice ha preso a cuore i Diavoli Rossoneri! un ringraziamento particolare va anche a loro, i ragazzi di Mister Doamin.eu che fanno il Tifo per noi! Un grazie anche a Simona Casonato, giocatrice che ha buttato dentro un bel gol al torneo di Brunico e che si è ben prodigata per creare tutti i testi del nuovo sito.

Prospettive di crescita?

La crescita è insita nello sport, crescita individuale, come gruppo e come squadra. Come ti dicevo stiamo lavorando sodo per “tirar dentro” nuove ragazze! E’ dura, a tutt’oggi l’hockey è uno sport ancora”oscuro”. Ci si fa tanto male? è violento? è per maschiacci? ma no! quante volte lo devo dire! sono Donne che giocano a hockey… nessun maschiaccio.. o quasi 🙂 non si torna a casa pesti e non si diventa aggressive. Ci si diverte, si sta assieme e si gioca.

All’orizzonte cosa si vede?

C’è ancora un po di nebbia. Affrontare un qualsiasi tipo di campionato dal punto di vista finanziario non è cosa da poco, stiamo cercando lo sponsor giusto che creda in noi , le squadre sarebbero tutte in veneto e l’Alto-Adige. Staremo a vedere, di sicuro dalla loro parte (quella della ragazze) i Diavoli Rossoneri hanno la tenacia e la voglia di far decollare anche, oltre all’amatoriale e alla serie C, il femminile.
Per quanto riguarda me, son 15 anni che mi sbatto per il femminile.. non vedo perché fermarmi ora!

Sarà davvero campionato il prossimo anno e se sì che obiettivo avete?

Questa domanda mette un po di ansia.
Sarebbe proprio bello partecipare al campionato
L’obiettivo intanto è capire cosa si puo fare assieme alla FISG, spaventa una serie A, intimidisce una serie B nella quale, verosimilmente comparirebbero squadre come Brunico, Asiago, Milano e mi auguro altre 2 o 3.

Che fine hanno fatto? Qualche bellunese? le mitiche comasce? e da Varese? Alleghe, Feltre? Aosta dove sono finite tutte?
Ho come la strana sensazione che qualche cosa accadrà mi sa che ci risiamo, l’hockey femminile italiano è ancora in pericolo!
La Nazionale Italiana, la partecipazione ai mondiali e tutto ancora sgarruppato
ma questa è un’altra storia… te la racconterò nella prossima intervista, prima mi procuro un buon avvocato e poi dico la mia AHAHAHAH

In verità credo che ci siano 2 grandi ostacoli da superare per le meneghine.
Il primo indubbiamente è quello del prezzo da pagare, le trasferte costano i materiali anche. Stiamo cercando un Main sponsor che possa aiutare la società a realizzare un progetto concreto. La seconda è quella che accomuna tutte le società femminile: Le ore ghiaccio. Nel nostro caso, la questione ghiaccio non è insormontabile grazie alla Società dei Diavoli Rossoneri.

Parlo per ipotesi, cosi rispondo alla tua domanda.
No non sarà campionato di serie A per le Ladies di Milano
Se si creerà una serie A2 o una B o un’amatoriale che dir si voglia, se ci sarà la nostra partecipazione ovviamente l’obiettivo è quello di ben figurare e magari portare a casa qualche partita. A formazione completa potremmo anche gareggiare ad armi pari con il Brunico e magari, portare a casa, anche contro di loro, una vittoria.

Annunci