Marco Tremolaterra

Marco quanto è cresciuto con te Martino Varese?

Mah, io Martino me lo ricordavo dai tempi del Valpellice e devo dire che sta facendo un buon campionato ed ha sicuramente ampi margini di crescita.

Che chance ha Torino di passare il turno?

Le chance ci sono, questa è una ottima squadra e posso dire che c’è un buon 50%

Cosa ha in più secondo te questa squadra rispetto allo scorso anno?

Più esperienza, chi giocava già qui è cresciuto e sono arrivati ragazzi come Petrov, Frank, lo stesso Sinkovic e senza dimenticare Laine che ci stanno dando una bella mano.

Cosa farà Tremolaterra il prossimo anno? C’è chi dice sia l’ultimo anno….

Sicuramente, come sempre, c’è chi dice che sono all’ultimo anno…. Non lo so è difficile trovare squadra alla mia età, credo che il futuro sia il mio lavoro ed aiutare ad allenare con la mia esperienza. Poi se qui lui mi vuole ancora (indica Zurek) meglio (ride)

Radoslav Zurek

Coach Zurek, un gran lavoro questa sera della terza linea

Questa partita mi “costringeva” a mettere anche una sorta di pressione ai ragazzi della terza, hanno giocato bene dando cambi continui alle altre due linee, speravo ci fosse il gol per loro, a coronare anche tutto il lavoro fatto durante l’anno purtroppo non sono riusciti però devo fargli i complimenti.

Una squadra che è apparsa molto più capace di gestire la gara ed ha beneficiato del ritorno di Sekula

Ci siamo concentrati bene in questa stagione tenendo conto anche del fatto di avere un roster corto, abbiamo lavorato da squadra e stasera lo si è visto, ora dobbiamo continuare così: umili e sempre lavorare.

E’ tornato il tifo al Tazzoli, quando può aiutare la squadra?

Moltissimo, a volte non ci è piaciuto giocare con un pubblico che stava in silenzio. Il pubblico è un fattore importante, voglio fare i complimenti ai tifosi che stanno sempre dietro la nostra porta e fanno tutto quel “bordello” e spero che loro riescano a coinvolgere più gente di modo da avere tutto un palazzetto che tifa per noi. Mi auguro veramente comunque di non deluderli mai….

Andrea Schina

Cosa hai trovato di difficile in A2?

E’ un campionato difficile per ritmo e livello, gli avversari spesso hanno più esperienza di me e quindi devi controllarli di più.

Annunci