EHC Bienne – HC Ambri Piotta    2 – 0    (0-0;1-0;1-0)

Reti: 31’19 Spylo (Beaudoin, Mieville) 1-0; 58’14 Spylo 2-0.

Terza sconfitta consecutiva per l’Ambri,che cede in casa del Bienne per 2-0 e ora si trova davvero ad un passo dalla finale dei playout,visto che i Seeländer hanno totalmente ribaltato la situazione e si trovano  in vantaggio nella serie per 3-2.

Basterà quindi solo una vittoria agli uomini di Schälpfer per chiudere i conti e spedire,di contro,i Leventinesi verso una finale tremendamente complicata contro un Rapperswil che,dopo lo 0-4 rimediato dal Lugano,sta accumulando preziosi giorni di riposo che potrebbero anche risultare decisivi.

Tornando all’incontro di questa sera,l’Ambri fa,paradossalmente, un ulteriore passo indietro rispetto allo 0-4 rimediato Sabato in casa.
Se infatti alla Valascia,pur non riuscendo a concretizzare,i Leventinesi si erano comunque costruiti alcune buone occasioni,questa sera di occasioni se ne sono viste ben poche,ed è di magra consolazione vedere che,ancora una volta,il boxplay funzioni egregiamente,perchè senza gol (sembra banale ma è cosi) non si va da nessuna parte.

Spylo,due gol importanti stasera. Photo:tio.ch

Il Bienne dal canto suo non fa moltissimo ma quel poco lo fa bene,leggitimando il successo con un migliore inizio di gara (palo di Lotscher),al quale l’Ambri risponde con una doppia superiorità numerica sfruttata male,anche per la poca reattività di Capitan Duca sotto porta.

Nel secondo periodo i Leventinesi cercano di costruire di più in avanti e sfiorano il vantaggio con Walker,ma appena superata la metà gara è il Bienne a passare con una bella conclusione del Top-Scorer Spylo.
La luce per i biancoblù si spegne,e ci vuole un grande Baumle per tenere in piedi almeno l’illusione della rimonta.

Rimonta che però non avviene,anche per l’inconsistenza del powerplay Leventinese,che spreca ben 4′ consecutivi di superiorità,e anzi è il Bienne a raddoppiare ancora con Spylo,che infila tra i gambali del goalie biancoblù il disco del 2-0 a meno di 2′ dalla fine.
Nel finale,oltre al danno la beffa,con Hofmann che termina l’incontro malconcio per un check di Beaudoin,e con la speranza che ormai rimane aggrappata ad un filo sottile,non ci si può assolutamente permettere di perdere un giocatore cosi importante.

Giovedi alla Valascia gara-6,ribaltare la situazione sembra impresa ardua,ci vorrà un Ambri totalmente diverso rispetto a quello visto nelle due ultime uscite,ma ci riesce difficile credere che un cambiamento cosi drastico possa avvenire in poco meno di 48 ore,anche se la speranza deve sempre essere l’ultima a morire…

Annunci