Di Armando Guzzo

Foto by Maurizio Condolo

Sugli spalti dell’Odegar una bella cornice di pubblico (ma non ci sono né i numeri né il pathos di gara 7 di semifinale) per una gara delicata che alla fine ha visto prevalere il Val Pusteria; serie “complicata” ora per la Migross, sotto 2-0, attesa domani dalla trasferta di gara tre. In casa Asiago manca come annunciato per squalifica DeMarchi, e Mantovani viene ancora preferito a Pavone nel ruolo di back up; solo a referto Matteo Tessari, mentre Borrelli verrà impiegato col contagocce.
Partenza bruciante degli ospiti che dopo due minuti vanno a segno con Discasmirro L’Asiago reagisce con prontezza ed al 4′ un micidiale diagonale di Adam Henrich inchioda Strömberg. Il pareggio entusiasma tifosi e squadra, e così si vede un bell’Asiago, determinato e veloce, sfiorare a più riprese il vantaggio: al 10′ con Michael Henrich in break e poi con una pressione costante che crea apprensione alla retroguardia ospite. Al 13′ ancora Michael Henrich lanciato in contropiede, stavolta fermato fallosamente; prima penalità a carico dei Lupi ed Asiago che gioca bene la superiorità ma non trova la meritata rete del vantaggio. Al 17′ ingenuità della panchina giallorossa: troppi uomini in campo e penalità; come già a Brunico arriva la conclusione dalla blu che trova un varco nel traffico per il nuovo vantaggio giallonero che resiste fino al riposo.
Brutta la frazione centrale, che si apre ancora con due penalità di fila a carico della Migross che però “tiene”. Il Val Pusteria al 9′ colpisce ancora con un tiro da lontano nel traffico. L’Asiago reagisce creado varie occasioni: manca il contropiede solitario con Intranuovo, stoppato, con Plastino di poco a lato e con un’aziona manovrata spettacolare; altopianesi via via sempre più nervosi, che non riescono a riorganizzarsi e la qualità del gioco scade. Al 16 superiorità Migross inguardabile, ma quasi allo scadere Adam Henrich, ancora lui, imbeccato da Miglioranzi trova la stoccata vincente che riapre i giochi.
La frazione finale si apre con l’incredibile pareggio giallorosso firmato ancora da Adam Henrich (tap-in vincente) che infiamma l’Odegar e riaccende le speranze di un Asiago generoso e volitivo che trova energie nervose più che fisiche da contrapporre ai più freschi avversari. Adam Henrich va più volte ad insidiare la porta ospite ma al 9′ dopo due parate Bellissimo deve capitolare per la quarta volta. Giallorossi che raschiano il barile delle energie, ma la quinta rete (in superiorità) chiude il risultato.
Annunci