Una festa che in piccolo in Italia c’è stata dopo Italia-Ungheria, un caso è stato quello di Alessandro, milanese che stacca dal lavoro alle sette e poi di corsa a casa per vedersi la partita della Nazionale, poi dopo il siluro di Helfer la festa con i tanti messaggi sul social network Facebook che ha unito la passione italiana.

La festa è passata da Asiago, Alleghe, Fassa, ma anche in luoghi impensati per l’hockey… E’ stato il caso di Cesana Torinese dove un gruppetto di ragazzi muniti di tricolore ha scandito cori e bevuto birra fino a tarda ora, ci ha detto Salvo, uno del gruppo “Siamo tutti valsusini, andiamo spesso a vedere l’hockey a Briancon e a Torre Pellice, ma veder la Nazionale vincere ha sempre un sapore molto speciale”.

Giulia, bolzanina ci dice “Che bella vittoria sono proprio contenta, ma che fatica però….” Emanuele da Cuneo invece è più critico “Bella partita, ma bisognerebbe lavorare di più sulla difesa”. Igor, veneto, si lascia andare “Partita da infarto, da brividi fino a quando un grandioso Helfer non ha bucato Szuper per la promozione in Top Division. Grazie Ragazzi siete stati fantastici!” Gli fa eco Sara che “Sì da infarto, per non parlare dell’arbitro che doveva verificare  se c’era o no il gol”.

Insomma regione che vai esultanza che trovi, ma le stesse identiche emozioni, una Nazionale che vince e la voglia di partecipare alla festa, sperando che tra un anno si resti nel gruppo A.

Annunci