Di Maga Mastra

Come si sapeva la squadra non era riuscita a qualificarsi per i quarti di finale e l’unico possibile riscatto, come premio di consolazione, era battere la Danimarca.

Così è stato questo pomeriggio a Bratislava, dove i padroni di casa danno il benservito ai danesi battendoli per 4 a 1 .

Partita non spettacolare, ha visto comunque entrambe le squadre coinvolte in un gioco veloce, un pattinaggio ansioso alla ricerca di qualche gol, il tutto sfocia anche in alcuni episodi di rissa e varie penalità, soprattutto da parte danese.

Nel primo tempo segna dopo appena 5′ la Danimarca con Christensen. La Slovacchia replica immeidatamente con una doppietta: Stumpel su assist di Jurcina e Satan e dopo qualche minuto lo stesso Satan abilmente sostenuto da Ruzicka e Majesky.

Nel secondo periodo la Danimarca prova il recupero, ma la situazione non si sblocca. Si teme a metà tempo per l’incolumità del portere danese, per un duro colpo alla testa, ma dopo alcuni controlli decide di continuare a difendere la propria porta.

Nel terzo tempo la Slovacchia allunga le distanze dagli avversari mettendo a segno altri due importanti gol, il primo immediatamente con Marian Hossa dopo appena un minuto dal fischio d’inizio. L’altra marcatura invece viene messa a referto da Zednik, tra precisione e fortuna, che riesce a mettere un puck ricevuto da Granak in rete infiladolo in una vera e propria cozzaglia di giocatori davanti alla porta. La Danimarca ancora prova a ribaltare il risultato, senza riuscirci.

Vittoria comunque amara quella slovacca, che di per se non dice più nulla in questi Mondiali

Annunci