Di Alan Conti

BOLZANO.Va bene, ci sono i training camp in partenza. D’accordo la pre-season offrirà a settembre incontri interessanti, ma inutile girarci attorno: l’attenzione di tutti gli appassionati di Nhl è direttamente focalizzata verso il vero e proprio inizio della regular season. Cerchiolino rosso, dunque, sulla giornata di giovedì 6 ottobre, ipotetico giorno del ringraziamento per tifosi dopo la consueta estenuante attesa estiva. Si tratterà, oltretutto, di un inizio con il botto considerando i tre match in programma: Philadelphia Flyers-Boston Bruins, Montreal Canadiens-Toronto Maple Leafs, Pittsburgh Penguins-Vancouver Canucks. Da lì in poi sarà hockey tutti i giorni, con la particolare gita fuori porta in Scandinavia e Germania. Saranno quattro, infatti, le partite europee in programma tra venerdì 7 e sabato 8. Grandi protagonisti i New York Rangers che a Stoccolma incroceranno i pattini prima con i Los Angeles Kings e poi con gli Anaheim Ducks. A Helsinki, invece, palcoscenico per Ducks e Buffalo Sabres venerdì, mentre a Berlino sabato la chiusura del cerchio tra le tre franchigie con la sfida Sabres-Kings. Interessante, però, scoprire squadra per squadra il debutto nella nuova stagione in modo che tutti i tifosi possano scegliere il momento giusto per scongelare sciarpe e magliette.

WESTERN CONFERENCE (Squadre out dai playoff nella scorsa stagione)
EDMONTON OILERS: Partenza fissata addirittura per domenica 9 in casa contro i Penguins già rodati. Sarà il primo tassello di una riscossa che dovrà partire dai giovani?
COLORADO AVALANCHE: Debutto sabato 8 sul ghiaccio di casa contro i Detroit Red Wings. Partita non facile per i fans di Denver.
COLUMBUS BLUE JACKETS: Sul ghiaccio venerdì 7 di fronte ai Nashville Predators. Jeff Carter andrà subito a segno?
MINNESOTA WILD: I primi a testare il nuovo pacchetto offensivo made in Sharks Setoguchi-Heatley saranno i Blue Jackets reduci dalla sfida ai Predators sabato 8.
ST.LOUIS BLUES: Franchigia enigmatica chiamata a schiarire i propri destini fin dal confronto con i Predators di sabato 8.
CALGARY FLAMES: Sul ghiaccio sabato 8 in casa contro i Penguins. Debutto non facile per chi cerca punti da mettere in cascina per una stagione che si preannuncia complicata.
DALLAS STAR: Date to date contro i Chicago Blackhawks sabato 8 e domenica 9 per quello che ha tutto il sapore di un randez-vous dopo la conclusione della scorsa regular season. Un punto, infatti, ha solcato il destino tra le due squadre con la seconda ai playoff (eliminata dai Vancouver Canucks) e la prima in vacanza. I denti dei texani saranno avvelenati più che mai.
EASTERN CONFERENCE (Squadre out dai playoff nella scorsa stagione)
FLORIDA PANTHERS: Debutto al Coliseum di New York sabato 8 contro gli Islanders: sfida tra deluse della scorsa stagione.
NEW YORK ISLANDERS: Come sopra, con tanta voglia di cambiare un destino modesto che sembra già scritto.
OTTAWA SENATORS: Esordio non facile venerdì 7 in quel di Detroit contro una delle favorite per la conquista del bersaglio grosso. Senatori subito chiamati a dare risposte importanti.
 WINNIPEG JETS: Qui l’esordio è assoluto e l’attesa in città a livelli di eccitazione pura. Non a caso il primo match si svolgerà proprio a Winnipeg di domenica 9 contro i Montreal Canadiens. Test di livello per misurare le ambizioni della matricola dell’anno.
NEW JERSEY DEVILS: La rincorsa a una post-season che non può essere fallita un’altra volta comincia con una salita di massimo grado. A casa dei diavoli, infatti, sono attesi sabato 8 i Flyers del nuovo corso.
CAROLINA HURRICANES: La delusione per l’ultima esclusione sul filo di lana potrà cominciare ad essere smaltita a Raleigh venerdì 7 contro Tampa Bay, sorpresa dell’ultima stagione e seria candidata al titolo.
SQUADRE ELIMINATE AI QUARTI DI CONFERENCE NELLA SCORSA STAGIONE
CHICAKO BLACKHAWKS: Testa a testa tra sabato 8 e domenica 9 nella due giorni contro Dallas assetati di rivincita. I Blackhawks, comunque, dopo la vittoria in Stanley Cup 2010 e il chiaroscuro della scorsa stagione sono chiamati alla verità. Protagonisti o fuoco di paglia?
LOS ANGELES KINGS: Esordio a Stoccolma venerdì 7 contro i New York Rangers per una sfida che, alla pari della altre quattro europee, servirà da copertina per l’intera lega. Spettacolo assicurato, se non altro per l’impegno che impone una cornice diversa dal solito.
NEW YORK RANGERS: Le ambizioni di un team che conterà sul talento di Richards cominceranno ad essere testate, come detto, venerdì 7 nella capitale svedese. Facile immaginare come la franchigia del Madison Square Garden possa godere del favore dei tifosi di casa considerando il grande fascino che storicamente stimola negli appassionati europei. Vantaggi e peso della tradizione.
BUFFALO SABRES: Ecco un’altra squadra che comincerà il proprio cammino nella vecchia Europa. Battesimo ad Helsinki sabato 8 contro i Ducks per un team chiamato alla riconferma sul palcoscenico dei protagonisti della Nhl.
PHOENIX COYOTES: Orfani di Byzgalov i Coyotes toccheranno il primo puck importante sabato 8 nella tana dei San Josè Sharks. Sfida importante per l’alta borghesia a stelle e strisce.
ANAHEIM DUCKS: Il ghiaccio di Helsinki sotto le zampe dei Ducks del top scorer Perry. Di fronte, sul proscenio europeo sabato 8, i Sabres per una franchigia che vuole tornare a un rendimento degno di una squadra capace, in passato, di alzare il trofeo di Lord Stanley.
MONTREAL CANADIENS: Eliminati dagli odiati Bruins capaci poi di vincere addirittura il titolo. Difficile immaginare un epilogo più amaro per la franchigia canadese nel 2011. Scendere in pista per i punti che contano già giovedì 6 contro i non irresistibili Toronto Maple Leafs, quindi, profuma tanto di liberazione da un’estate da dimenticare.
PITTSBURGH PENGUINS: Big match nella giornata inaugurale di giovedì 6 contro i vicecampioni Vancouver Canucks sul ghiaccio canadese. Impegno ostico che chiarirà subito quali potranno essere gli obiettivi di un team che aspetta con ansia il ritorno di Crosby (improbabile, se non impossibile, vederlo già alla Rogers Arena) e punta ancora una volta sulla vena realizzativa di Malkin e la sicurezza Fleury. Come ogni anno parte tra le possibili pretendenti, ma le incognite sono ancora tante.
SQUADRE ELIMINATE ALLE SEMIFINALI DI CONFERENCE NELLA SCORSA STAGIONE
NASHVILLE PREDATORS: Grande risultato l’anno scorso che andrà confermato a cominciare dalla sfida a Columbus di venerdì 7. Non impossibile uscire con un risultato che possa portare ottimismo in un ambiente in cui si costruisce hockey a partire da eccellenti difensori.
DETROIT RED WINGS: Tutto meno della finale di conference è storicamente per Detroit un mezzo o totale fallimento. Questa stagione, quindi, va inserita alla voce “riscatto” con partenza tutto sommato agevole in  casa contro i Senators venerdì 7.
WASHINGTON CAPITALS: L’eterna incompiuta del “vorrei ma non posso” ricomincia in casa contro Carolina sabato 8. Ovechkin e compagni, stavolta, dovranno andare oltre nella corsa ai playoff e più di una regular season in cui, probabilmente, reciteranno da attori protagonisti, sarà determinante proprio la post-season. Mai come quest’anno la capitale si aspetta concretezza. Da subito.
PHILADELPHIA FLYERS: Non si va lontani dalla verità nel dire che il debutto di Philly è senz’altro il più atteso da tutta la Nhl. La rivoluzione “verde” che ha visto partire gli storici Carter e Richards e arrivare il goalie Byzgalov comincerà a scrivere le proprie sentenze. Grande curiosità anche attorno al ruolo che riuscirà a ritagliarsi Jagr, al ritorno in Nord America dopo gli anni in Khl. Ecco perchè proprio la partita inaugurale è affidata alle stecche dei Flyers che andranno sul ghiaccio di Boston contro i campioni in carica giovedì 6 alle 19 locali. Glamour, agonismo, e voglia di rivincita dopo la netta sconfitta negli scorsi playoff sono solo alcuni degli ingredienti della sfida che si preannuncia la migliore nel lotto dei debutti.
SQUADRE ELIMINATE ALLE FINALI DI CONFERENCE NELLA SCORSA STAGIONE
SAN JOSE’ SHARKS:Havlat la nuova punta di diamante per gli Sharks che partiranno sabato 8 contro i Coyotes. Sfida dai buoni contenuti tecnici, certamente tra le più interessanti del weekend. San Josè attende da anni il salto di qualità e lentamente si avvicina senza mai coglierlo pienamente. Sarà la volta buona?
TAMPA BAY LIGHTENING: Stamkos e St.Louis sono pronti a tornare a mitraglia a casa di Carolina venerdì 7. Test di valore per una squadra nettamente al di sopra della media e indicata da molti come favorita.
SQUADRE CHE HANNO DISPUTATO LA FINALE DI STANLEY CUP NELLA SCORSA STAGIONE
VANCOUVER CANUCKS: Petali di stelle giovedì 6 per la sfida in casa ai Pittsburgh Penguins. I Canucks dovranno dimostrare di aver metabolizzato la botta di una Stanley Cup persa sul ghiaccio amico, di fronte ai propri tifosi distrutti e arrabbiati. La maledizione continua e il 2012 sarà l’ennesima corsa contro vento, ci vorrà tanta forze per sovvertire il destino. I campioni sono rimasti tutti, resta da testare la tenuta fisico-psicologica di Luongo. La stecca di Malkin il primo duro esame.
 
BOSTON BRUINS: Td Garden, giovedì 6 ottobre, ore 19 locali. Il tempo delle festa e degli eroi ha una sua scadenza. L’estate che ha celebrato Thomas, Chara, Marchand e tutti i protagonisti di una Stanley Cup storica e appassionante volge al termine e il titolo, oltre che alzato, andrà difeso. Roster praticamente inalterato per andare a caccia di un bis che avrebbe del clamoroso, ma le prime due sfide casalinghe sono da brividi con il succedersi di Flyers prima e Lightening poi. Poco da lamentarsi, i campioni devono confermarsi e la Stanley Cup torna in palio, alla portata di tutti. Tanto basta per avvertire i brividi fin dalla prima sirena.
Advertisements