Tripla festa per Alleghe Tegola Canadese, ieri sera sul ghiaccio del Albert Pezzei di Corvara; festa innanzitutto per la conquista del X Memorial “Ferruccio Bogo”  che torna dopo quasi 9 anni nella bacheca della grande A; poi perché la vittoria è maturata all’interno dell’ “eterna sfida” con la rivale Bolzano, vendicando così la sconfitta dello scorso anno subita a tavolino grazie al plexiglass, “uomo” in più delle volpi altoatesine in quella occasione; infine perché vincendo hanno onorato al meglio un assiduo sponsor della squadra agordina, Luxottica e il Cavalier Leonardo Del Vecchio, nel 50° della fondazione della multinazionale dell’ occhialeria.

Quando si parla di Alleghe contro Bolzano, beh! lo spettacolo è assicurato. Dopo il breve empasse iniziale, si accendono i primi fuochi e al 6’15” Mark McCutcheon infila il primo puck per il breve vantaggio altoatesino; breve perché nemmeno 15” e Vince Rocco ristabilisce l’equilibrio. La sfida comincia a farsi sentire e oltre al gioco decolla anche un po’ di nervosismo e qualche piccolo dispetto. Le civette si trovano in doppia penalità ma invece di soccombere alla pressione bolzanina trovano il vantaggio con Nicola Fontanive al 11’06. Anche qui la gioia è pero breve perché Walcher in PP agguanta il pareggio. La difesa agordina va un po’ in confusione nel finale e Dennis si supera su McCutcheon involatosi da solo.

La frazione centrale si apre con le due squadre in continua ricerca del vantaggio ma anche il nervosismo si fa più veemente, tanto che Schutte si fa buttare fuori per una rissa; Il match si infuoca nel finale di drittel: al 37’41” Alleghe passa ancora con Rocco assistito da Henrich e Fontanive, ma subito dopo Bernard supera Dennis per il  3 a 3; le civette però non subiscono il colpo dell’ennesimo recupero e con super “Vegg”  ben servito da Hogeboom, trovano il nuovo vantaggio a meno 40” dalla sirena centrale.

Nell’ultimo periodo il Bolzano sembra cedere fisicamente, le civette gestiscono il ghiaccio e nel giro di 5 minuti prendono decisamente il largo con Hogerboon al 50’05” e poi con un doppio sigillo di Adam Henrich (51’03” in azione solitaria e 54’20” assistito da una giocata geniale di De Bisio). Patron Rossi se la gode in tribuna e i tifosi pure; un pò meno gli altoatesini, ma Bolzano comunque resta un nome che incute sempre timore e al via del massimo campionato, la sinfonia sarà diversa; “parola” di Insam!

Alleghe visto in questi due test match fa ben sperare. La linea principale Fontanive – Rocco- Henrich sembra funzionare come un orologio svizzero e l’ex asiaghese sembra integratosi bene nel team agordino; Le altre linee stanno pian piano compattandosi e Daniele Veggiato vive una seconda giovinezza; infine la sicurezza Adam Dennis a difesa della gabbia, anche stasera da ovazione. Il buon mix c’è a disposizione di coach McKenna per puntare veramente in alto. L’incognita? La struttura del “De Toni”; ma questo non dipende dagli uomini della grande A!

Federico “Feffe” Lauretta

Annunci