Di Alessandro Peyronel

Altra serata ricca di emozioni quella di Sabato 17, dove è andata di scena la sfida tra la Valpe e il Milano, per il primo Memorial “Dario Saletta”, che ha visto i torresi imporsi con un netto 7 a 2 sui lombardi.

Foto by Alessandro Peyronel

Anche questa volta, come successo esattamente una settimana prima alla serata commemorativa per il Presidente Per Sempre, i tifosi giunti sugli spalti per ricordare Dario e incitare la squadra erano oltre 1000.

La serata è iniziata all’insegna della cerimonia del ritiro della maglia numero 4, indossata dalla figlia Carola che ha poi eseguito un giro di pista accompagnata dai tantissimi applausi del pubblico e dagli ex compagni di squadra del papà tra i quali il presidente del Milano Migliore,l’attuale allenatore Da Rin e due grandissimi ex venuti apposta dal Canada: Grant Goegan e Bert Di Fazio.

La partita ha inizio: dopo appena 31” arriva il vantaggio torrese grazie a Nikiforuk, assistito dalla coppia Johnson-Huddy. Al minuto 2’40” questa volta è Stricker a siglare il raddoppio dopo una stupenda azione sull’asse Nikiforuk-Bembridge.

Per il Milano la partita rischia di prendere una brutta piega già al minuto 4’14” quando anche la quarta linea dei Bulldogs confeziona la rete che vale il 3a0 grazie allo scatenato “Boom Boom Canale”.

Il Milano sembra avere subito il colpo, e solo un prodigioso miracolo del Goalie Terrazzano nega la quarta marcatura a Huddy, ottimamente servito da Frigo dopo un’incredibile incursione.

Goalie che nulla può invece quando al minuto 8’51” Sirianni pesca davanti alla gabbia Bembridge che lo fa secco siglando la rete del 4a0.

I Rossoblu hanno un ottima occasione nel finale di ripresa con un contropiede 2contro1 sprecato clamorosamente con un fuorigioco; termina così la prima frazione.

 

Ad inizio della seconda frazione, ancora i valligiani protagonisti, e questa volta è Jon Awe con una sassata micidiale dalla blu a segnare la rete del 5a0.

Il sesto goal è solo questione di minuti; ottima intercettazione in difesa di Rivoira che passa a Nikiforuk, il quale con un ottimo passaggio imbecca Bembridge che non può che infilare ancora una volta la gabbia milanese.

Giunti a metà gara, Ellis decide di sostituire Regan per il “debuttante” Platè.

Al minuto 32’05” arriva il goal che fa esplodere di gioia i tifosi giunti dal capoluogo lombardo, grazie al numero 5 Re’.

Il match inizia a farsi duro, e inseguito ad una carica scorretta sul portiere milanese, inizia una rissa che vede protagonisti a centrocampo Pace e Betti, entrambi poi espulsi con un 5+20 penalità partita.

A un minuto dal termine arriva la settima realizzazione in casa Valpe; pregevole le scambio Huddy-Frigo,  e proprio quest’ultimo regala un assist d’oro al Bomber Sirianni che non sbaglia.

 

La terza frazione vede come protagonisti da una parte Platè in grande spolvero, che sventa almeno 3 occasioni da goal, una su tutte quella a Tu per Tu con Mazzacane e dall’altra la seconda marcatura del Milano al minuto 45’57” grazie a Wunderer, ben servito da Ansoldi (fin’ora colpevolmente in ombra).

 

Da segnalare l’ottima intesa tra Nikiforuk e Stricker, che sembrano giocare insieme da anni e l’asse Frigo-Sirianni che quando giocano a memoria fanno davvero PAURA!!!

Vanno i miei più sinceri complimenti all’ottimo Schina (classe 93 come Frigo) che sembra non aver accusato il salto di categoria, lottatore su tutti i dischi e in ottima sintonia con Awe. Sicuramente pedina molto importante per una Valpe che vuole girare con le quattro linee.

Annunci