Non ci è mai piaciuto fare troppi riferimenti calcistici, ma questa volta il paragone ci pare più che mai azzeccato. Questa Valpe, capace di un mercato stellare, ha ricordato nelle sue prime uscite l’Inter morattiana che comprava tutti non sapendo in realtà la specifica collocazione in campo di quel determinato giocatore.

Regan in azione contro il Pontebba, lo statunitense è una delle note liete del Valpellice Foto by Maurizio Condolo

Le uscite contro Gap, Milano e Brunico hanno evidenziato come il gioco sia ancora decisamente in fase embrionale e confusionario, è bastata infatti l’organizzazione dei vice-campioni d’Italia a mettere a nudo tutte le difficoltà del sistema di gioco valligiano. Tuttavia è presto per dire che la sorte è segnata, siamo a malapena alla seconda giornata e c’è tutto il tempo per migliorare, ma le premesse passatecelo non sono buone….

 

Annunci