Di Riccardo Stoppa

Foto by Riccardo Stoppa

Terza giornata del massimo campionato di Serie A di hockey su ghiaccio italiano; la Leitner Solar Arena è gremita di fan sin dalle 19:40. La mascotte dei Lupi si aggira per gli spalti pronta per il pre-game show, ormai tradizione allo stadio del Lungo Rienza.
Le 20:28: l’ingaggio iniziale viene vinto dal Renon, precisamente da Thomas “Piege” Pichler cioè l’ex capitano del Brunico. Un segno? Nel primo periodo si vede infatti un Renon quasi sempre nella sua zona offensiva ovvero dove la difesa del Brunico dovrebbe difendere. Dovrebbe, ma non è così. Per tutto il primo tempo il Val Pusteria crea solo poche occasioni in attacco e lascia creare tante occasioni al Ritten Sport che non ne approfitta malgrado un powerplay. Tutto ciò fa sudare freddo i 1.900 tifosi gialloneri presenti alla Leitner Solar Arena e crea un’atmosfera poco entusiasta di qualsiasi cosa succeda.

Secondo tempo, seconda occasione da cogliere per prendere il sopravvento sulla squadra avversaria. Il Brunico accompagnato dalla tifoseria carica e con sete di goal non si fa scappare l’occasione. Dopo varie opportunità buttate al vento per via di errori clamorosi (come Bona che manca il puck a porta praticamente sguarnita) al 7’ è Max Oberrauch su assist di David Ling e Giulio Scandella a firmare il vantaggio dei Lupi. Scandella vuole partecipare alla festa e al 9’ se ne va in contropiede e segna indisturbato il 2 a 0. Il resto del secondo tempo è pieno di occasioni del Brunico finchè il cronometro non segna “00:00” e i giocatori tornano negli spogliatoi.

Terzo drittel, venti minuti per confermare una vittoria pusterese o per delineare una rimonta del Renon. Data questa possibilità Ling decide di mettere al sicuro con un bellissimo slap shot dalla blu al 2’ servito da Magnan. Dopo una penalità per entrambe le squadre, Matt Kelly alla fine del quattro contro quattro al 4’ decide di imitare Ling cogliendo un’occasione che gli viene messa su un piatto d’argento proprio da Ling stesso. Al sesto minuto durante un powerplay pusterese Joe Jensen prende in pieno la traversa facendo venire i brividi alla squadra del Renon. Un minuto dopo si riscatta e segna proprio poco sotto la traversa servito da Frederik Persson e da Joe Cullen. Al nono minuto Blight imita Jensen infilando proprio sotto l’asta orizzontale, poco sopra la maschera di Mikko Strömberg. La partita, diventata fallosissima, prosegue sulla stessa linea fino al countdown dei tifosi che segna la fine della terza giornata per le due squadre.
A fine partita si è organizzata una specie di festa per il presidente Erlacher mostrando i trofei vinti assieme a lui e salutando la squadra augurandole buona fortuna.

Giovedì prossimo i Lupi incontreranno il Bolzano di coach Insam mentre l’Alleghe si recherà sull’altopiano per fare visita al Renon.

Advertisements