Di Riccardo Stoppa

HC Bolzano Foxes – Lupi Fiat Professional Val Pusteria 4:3 d.t.r. (1-0; 1-2; 1-1; 0-0; 1-0)

Da sedici anni il Val Pusteria non vince a casa del Bolzano se non dopo i tempi regolamentari altrimenti perde. Così è stato infatti perché dopo tre tempi , l’overtime di cinque minuti e i rigori il Brunico cede e lascia i due punti al Bolzano e se ne tiene soltanto uno.

Nel primo tempo la partita è un po’ disequilibrata e si vedono cinque minuti di “riscaldamento” dove le squadre si studiano un po’ seguiti da Brunico e Bolzano che continuano ad avere tante belle azioni che sprecano o che vengono bloccate dalla difesa. Il gioco dal Bolzano aumenta e infatti, durante un powerplay, McCutcheon segna assistito da Rogers ed Edwardson a metà del 13’. Malgrado dei dubbi sulla possibile deviazione del tiro il goal resta assegnato a McCutcheon. Nel resto del tempo il Val Pusteria cerca di reagire invano e il Bolzano si fa sempre più aggressivo raggiungendo quasi il 2-0 al 15’ quando Giliati in un uno contro zero chiama al miracolo Strömberg che dopo una serie di finte riesce a fermare con il gambale e a non lasciare la marcatura della serata a Giliati.

Altro giro, altra corsa. Nel secondo tempo il Brunico riparte da capo cercando il punto più accessibile della rete avversaria e al 2’ Di Casmirro, ex Bolzano, fa passare il puck oltre la linea di porta protetta da Zaba, miglior portiere 2010/2011, su assist di Scandella e Hofer. Dopo cinque minuti, cioè al 7’, Giliati segna un goal straordinario: dopo aver smarcato la difesa giallonera si ritrova a tu per tu con Mikko Strömberg che si butta sulla sua sinistra per fermare il disco; Giliati inciampa sul gambale del goalie e a mezz’aria riesce a raggiungere il puck con la stecca per infilarlo in rete. Il Brunico riprende piano piano il ritmo e dopo pochi minuti Joe Jensen va in contropiede a tu per tu con Zaba ma viene falciato da dietro: shootout. Mentre tutti li spettatori Pusteresi pensano al fantastico rigore di gara 6 di finale scudetto proprio realizzato da Joe Jensen, l’attaccante parte da centrocampo con il disco sulla stecca rimanendo sulla sua destra e mira all’angolo in alto a sinistra della porta ma Matthew Zaba ha i riflessi pronti e con il guantone ferma il disco. Cullen e Mair proprio non ci stanno e al 17’ decidono di pareggiare con Christian Mair che serve Joe Cullen che approfitta di una piccola distrazione di Zaba che non aveva trattenuto il puck e, non accorgendosene, non è riuscito a parare il tiro.

Il terzo tempo ha regalato il secondo punto della serata a Giliati che, assieme a Sharp, ha passato a Knackstedt il quale non ha rifiutato e ha realizzato il 3-2 al 5’. Per tutto il tempo il Val Pusteria cerca di recuperare e, a 1:02 dalla fine, su assist del numero 27 Nate DiCasmirro segna per i Lupi Fiat Professional, con il numero 13, Patrick Bona! L’ultimo minuto passa e il terzo drittel finisce qui.

In un overtime pieno di coraggio ma con il timore di subire il Bolzano si fa vedere sempre di più con un Brunico che coglie poche occasioni in contropiede. Le due squadre, entrambe con un punto al sicuro, vedono lo spettro dei rigori che si avvicina lentamente.

Il primo rigore non si realizza per nessuno: i due portieri che sono stati bravissimi per tutta la serata negano il goal a entrambe le compagini. Il secondo si realizza per entrambi invece; infatti prima Giliati con una serie di finte e poi Scandella, che non ha avuto una buona serata in quanto a occasioni sprecate, segnano il secondo rigore. Egger si avvicina alla porta, tira il puck e supera Strömberg ma Bona vuole tirare su le sorti della squadra di nuovo e insacca anche lui. Adesso comincia il Brunico: Scandella parte convinto da centro campo ma sbaglia: la partita adesso dipende tutta da Sharp ma Sharp ha le spalle grosse e con un wrist shot tira nell’angolino in alto alla sinistra del goalie giallonero, facendo guadagnare al Bolzano la vittoria del derby e un altro punto.

Sabato il Bolzano incontrerà l’Alleghe e in Val Pusteria tornerà Stefan Mair stavolta alla guida di un agguerrito Cortina.
Il 3/11 Lupi e Volpi si sfideranno di nuovo e chissà quali altri brividi ci regaleranno!

Advertisements