Di Alessandro Peyronel

Foto by Jessica Peyronel

La Valpe liquida con un secco 5 a 1 i neopromossi Broncos, chiudendo la pratica già nella prima frazione, con i restanti due periodi giocati cercando di gestire il risultato e con la testa verso la prossima “lunga” trasferta a Pontebba di sabato 8Ottobre.

Già durante il riscaldamento sugli spalti si respirava un’aria diversa rispetto alla settimana scorsa, un’aria di rivincita, di voglia di iniziare a far bene visto il potente roster allestito per la stagione. Ma la vera boccata d’ossigeno, ai 1300 tifosi, l’ha data l’esordio stagionale del Cowboy Taggart Desmet dopo l’infortunio patito nel finale di stagione scorsa tra le file dei lupi pusteresi.

Foto by Jessica Peyronel

Ecco che le 4 linee offensive volute da coach Ellis, possono finalmente scendere in pista: Desmet-Sirianni-Bembridge, Nikiforuk-Huddy-Felicetti, Frigo-Coco-Rottensteiner, Pozzi-Silva-Canale.

Prima frazione tutta dei Bulldogs, dopo appena 4 minuti un’azione davanti alla gabbia di Tragust orchestrata da Sirianni-Bembridge libera Desmet che conclude gridando al Goal; l’arbitro ricorre alla prova tv e decreta il NO-Goal. Poco importa perché al minuto 6’52” sempre il solito Trio delle meraviglie va a segno, questa volta con Garett Bembridge.  Alcuni istanti dopo sul ribaltamento di fronte, gli ospiti concretizzano un’azione un po’ confusa, anch’essa visionata alla tv dall’arbitro e con esito Negativo.

Foto by Jessica Peyronel

Da qui in poi solo torresi sul ghiaccio: all’8’40” è Frigo a raddoppiare con un bel tiro a mezza altezza che si infila sopra la spalla del portiere Azzurro; in situazione di Powerplay è ancora una volta Awe con un bolide dalla blu a far esplodere di gioia il pubblico. A sette secondi dal termine, in situazione di Penalty Killing con Martinelli in panca puniti, ci pensa Nikiforuk a chiudere il match con una controfuga e successivo missile che si infila sotto l’incrocio dei pali.

Nel secondo periodo coach Hicks decide di sostituire uno spento Tragust, con il giovane Steinmann, che nulla può al minuto 23’24” sul top scorer valligiano Ryan Huddy che colleziona così il pokerissimo.

Con la partita ormai indirizzata sui binari giusti, Ellis fa riposare le prime due linee e in difesa lascia molto spazio a Rivoria e Durand Varese, autori entrambi di una buona partita.

Canovaccio che non cambia nell’ultimo tempo, ad eccezion fatta della rete della bandiera del numero 41 Gelech. Da segnalare dopo pochissimi istanti un colpo di bastone involontario che colpisce Nikiforuk al volto, costringendolo a uscire per sottoporsi alla cure del dottor Boer, per poi rientrare dopo cinque minuti tra il boato del pubblico.

Finalmente i meccanismi di gioco iniziano a vedersi sul ghiaccio: assoluta rapidità per la seconda linea con Huddy protagonista, intelligenza in quella tutta italiana con Pozzi e Silva e gioco a memoria che incanta il pubblico tra Sirianni e Desmet.

Prossimo appuntamento casalingo per la Valpe, sabato 15 Ottobre contro il Renon, vera delusione di questo avvio di campionato.

Advertisements