Di Diego De Zolt

Foto by HCBFans

Gia’, all’inizio dell’avventura sul bancone biancorosso coach Insam aveva detto: “ Il nostro e’ un progetto triennale in cui vogliamo VALORIZZARE i nostri giovani”. Bene, ieri sera con 13 uomini di movimento sul ghiaccio, ( out Walcher, Rogers e Insam) i giovani del Bolzano dov’erano??? La squadra biancorossa dispone di un Farm Team, il Pergine, dove giocano i vari Accarino ( 5 gol nelle prime partite di A2), Tava ecc. e allora la domanda mi viene spontanea: perche’ non erano in panca ieri sera? Un’altra domanda: perche’ si e’ andati a chiamare tale Demetz dall’Appiano e poi non gli e’ stata data la possibilita’ di toccare ghiaccio???
Ma andiamo alla partita. Bolzano – Valpe si disputa in uno stadio davvero deserto., neanche 500 spettatori!!! Detto delle assenze in casa bolzanina anche la Valpe si presenta al Palaonda con una defezione importante: Reagan marca visita, al suo posto un’ottimo Plate’. I biancorossi modificano forzatamente le linee e giostrano cosi’: Dorigatti- Knackstedt- McCutcheon, Sharp- Giliati – Zisser e Bernard- Edwardson e Fabris!!!! Partita mediocre e Bolzano che passa in vantaggio al 15’ con Giliati che in inferiorita’ numerica si beve due difensori e deposita il disco in rete per l’uno a zero. Nel secondo drittel subito il raddoppio dei padroni di casa con Sharp che riceve un’assist al bacio da dietro porta di Giliati e infila sotto la traversa. In questo caso c’e’ anche la prova video ma il sig Pianezze, dopo aver visionato l’azione, convalida la rete. Partita finita’? Neanche per sogno e una buona Valpe pareggia in 111 secondi con una doppietta di Bembridge che, lasciato colpevolmente solo davanti allo slot in entrambe le occasioni, porta le squadre in parita’. Dopo un’altra ghiotta occasione per lo stesso Bembridge, il Bolzano passa in vantaggio con la prima rete stagionale di Dorigatti che, dopo un rebaund lasciato da Plate’ , insacca a porta vuota. Il terzo parziale registra un paio di buone ocassioni da entrambe le parti , fino ad arrivare all’ultimo minuto quando la squadra piemontese toglie il portiere dalla gabbia e permette a Giliati di siglare la sua personale doppietta che porta il risultato sul definitivo 4 a 2. Bolzano che porta a casa tre punti meritati se non altro per il roster ridotto all’osso, e Valpe che ha dimostrato di essere un’ottima compagine

HC Bolzano – HC Valpellice Banca di Cherasco 4:2 (1:0, 2:2, 1:0)

HC Bolzano: Matt Zaba (Günther Hell); Josh Meyers, Alexander Egger, Anti Bruun, Andrea Ambrosi; Enrico Dorigatti, Mark McCutcheon, Jordan Knackstedt, Stefano Giliati, Stefan Zisser, Mac Gregor Sharp, Anton Bernard, Derek Edwarson, Daniel Fabris, Federico Demetz
Allenatore: Adolf Insam

HC Valpellice Banca di Cherasco: Marcello Platè (Andrea Malan); Trevor Johnson, Ryan Martinelli, Jon Awe, Florian Runer, Kevin Kantee, Luca Rivoira, Martino Durand Varese; Ryan Huddy, Alex Nikiforuk, Luca Frigo, Robert Sirianni, Taggart Desmet, Garret Bembridge, Luca Felicetti, Alex Silva, David Stricker, Marco Pozzi, Stefano Coco, Pietro Canale;
Allenatore: Mike Ellis

Advertisements