Ennesimo cambio alla guida tecnica dell’HCL,Smith dimissionario prima del match col Langnau

 
Un (altro) cambio al vertice,l’ennesimo,per un Lugano che sembra non trovare pace e che continua a navigare a vista,senza nessuna parvenza di un vero progetto a lungo termine.

Stavolta è toccato a Barry Smith,che nella serata di ieri,nella conferenza stampa del pre-partita con il Langnau,ha annunciato le proprie dimisiioni dalla guida tecnica del club.

 

Smith ha dichiarato “di non essere più in grado di ottenere dalla squadra una risposta alle sue sollecitazioni, di non riuscire più a far passare il suo messaggio e pertanto di non poter più gestire la situazione”

Naturalmente il Coach NordAmericano si è assunto le proprie responsabilità,ma ha coinvolto alcuni giocatori: “C’è stata una regressione e poca condivisione di obiettivi ambiziosi. Non accetto la mediocrità”

Si chiude quindi anzitempo l’avventura a Lugano dell’ex Coach dello SKA San Pietroburgo,dopo 16 partite e 20 punti,un bilancio sicuramente non positivo,ma ciò che spaventa i tifosi (schierati in massa dalla parte del Coach e contro i giocatori) è l’apparente ingovernabilità di uno spogliatoio che sembra totalmente nelle mani dei giocatori.

A questo punto,nell’attesa della nomina del successore di Smith (Huras?Pelletier?),i tifosi chiedono alla società una chiara presa di posizione: perchè,continuando in questo modo,si fa tutto tranne che il bene del Lugano.

Si ringrazia Ticinonline per le dichiarazioni in conferenza stampa di Smith

Advertisements