Di Diego De Zolt

 

Levasseur qui in azione contro il Pontebba, non bastano oggi le sue parate

 

Eh si, la buona squadra di inizio campionato sembra all’improvviso tornata. Ieri sera in un Palaonda abbastanza gremito ( visto la contemporanea di Inter – Juventus ) , il Bolzano ha battuto la capolista Cortina per 4 a 2. E a parte un primo tempo abulico , sembrerebbe essere tornata la squadra veloce e cinica di inizio campionato. Motivi??? Mah, voci di tribuna danno in partenza il coach Insam ma niente di ufficiale e’ stato detto. Il Bolzano recupera Rogers ma rinuncia ancora a Insam, Edwardson, e Walcher. Incredibile ma vero ci sono due giocatori del Farm Team, Piva e Tombolato. Detto del primo tempo abulico del Bolzano, dove il Cortina con due tiri in porta segna due gol con Fraser e Isherwood, il secondo tempo vede sicuramente un’altra squadra biancorossa in campo ma, purtroppo, Rogers abbandona la partita per un riacutizzarsi dell’infortunio precedente. Al minuto 5,35 Knackstedt assistito da un sempre piu’ convincente McCutcheon, riporta in linea di galleggiamento i biancorossi e dopo dieci minuti il pareggio e’ cosa fatta. Tiro di Bruun e Levasseur devia il disco che gli passa sopra la testa e ricade dietro di lui dove il piu’ lesto di tutti e’ Sharp che insacca il due a due. Nel terzo periodo il Bolzano non crolla come fatto nelle ultime partite e all’ 1,11, in situazione di doppia superiorita’ numerica, una sassata di Bruun viene respinta dal portiere ospite e ancora Sharp deposita in rete il gol del sorpasso. Al 7 minuto i padroni di casa hanno la possibilita’ di passare ancora ma, incredibilmente, sia Knackstedt sia McCutcheon sprecano soli davanti a Levasseur . Al 10 Zaba ricorda a tutti che e’ stato il miglior portiere dello scorso campionato, tirando fuori letteralmente un disco dalla porta su un uno contro zero di Menei. Dal 14’ minuto fino alla fine della partita il Sig. pianezze decide che il Bolzano debba giocare sempre in inferiorita’ numerica ma, senza eccessivi rischi, si arriva a 1 secondo dalla fine quando ancora Knackstedt insacca a porta vuota il definitivo 4 a 2. In chiusura possiamo dire di aver visto da parte del Bolzano sicuramente un’altra intensita’ di gioco che fa ben sperare i tifosi biancorossi in attesa dell’arrivo del figliol prodigo Borgatello.

HC Bolzano – Hafro SG Cortina 4:2 (0:2, 2:0, 2:0)

HC Bolzano: Matt Zaba (Günther Hell); Brandon Rogers, Anti Bruun, Josh Meyers, Alexander Egger, Andrea Ambrosi; Stefano Giliati, MacGregor Sharp, Stefan Zisser, Mark McCutcheon, Jordan Knackstedt, Anton Bernard, Enrico Dorigatti, Daniel Fabris, Stefano Piva, Riccardo Tombolato, Federico Demetz
Allenatore: Adolf Insam

Hafro SG Cortina: Jean-Philippe Levasseur (Luca Burzacca); David Bowman, Mark Isherwood, Marek Chvatal, Michele Zanatta, Luca Zandonella; Curtis Fraser, Rob Hennigar, Jonas Johansson, Ryan Dingle, Giorgio De Bettin, Ryan Menei, Francesco Adami, Andrea Moser, Christian Menardi, Denis Soravia, Fabio Alverà, Andrea Baldo
Allenatore: Stefan Mair

Arbitro: Claudio Pianezze (Alessandro Mazzocco e Fabrizio De Toni)

Reti: 0:1 Curtis Fraser (16.30), 0:2 Mark Isherwood (19.48), 1:2 Jordan Knackstedt (25.34), 2:2 MacGregor Sharp (35.12), 3:2 MacGregor Sharp (41.11), 4:2 Jordan Knackstedt (59.59)

Minuti penalità: Bolzano 20 – Cortina 18

Tiri in porta: Bolzano 32 – Cortina 33

Spettatori: 650

 
Annunci